• 28 MAR 20
    • 13
    Progenismo: ecco come correggere la mandibola sporgente

    Progenismo: ecco come correggere la mandibola sporgente

     

    Si parla di progenismo quando la mandibola è posizionata in avanti rispetto al mascellare superiore: un problema più comune di quanto si pensi che si ripercuote oltre che sull’estetica del viso anche sulla funzione, causando problemi di masticazione, fonazione, respirazione e postura.

    Secondo i dati della Società Italiana di ortodonzia il 15% dei bambini e adolescenti ha problemi di progenismo “Basta che un genitore osservi il proprio figlio di profilo per rendersi conto dello squilibrio esistente tra la mascella e la mandibola che, non essendo allineate tra loro, impediscono di chiudere bene la bocca”, spiega il Dott. Tito Marianetti, specialista in chirurgia maxillo-facciale a Roma.

    Come si presenta il progenismo?

    In caso di progenismo si evidenza il tipico profilo a mezza luna, con il mento pronunciato “alla Totò”. Poiché questo squilibrio osseo fa sì che le arcate dentarie superiori e inferiori non combacino, si interviene con un apparecchio ortodontico funzionale, fisso o mobile, formato da placchette di resina unite da un filo di acciaio. Va applicato per un periodo medio di due anni, ed è efficace solo se si utilizza quando l’osso è ancora plasmabile: entro gli undici anni. “A volte però, l’apparecchio ortodontico fallisce la sua missione di riequilibrare i rapporti ossei”, puntualizza il Dott. Marianetti. “Accade, infatti, che se il ragazzino registra un picco di crescita elevato (tipico dei maschi che aumentano anche di dodici centimetri  in anno, mentre le ragazze hanno un sviluppo più armonico e graduale), la mandibola so “allunga” molto, mentre l’osso mascellare risente meno della spinta puberale. Il divario tra arcata superiore e inferiore, risulta quindi, insanabile.

    In cosa consiste l’intervento per correggere il progenismo? 

    A questo punto, intercettato il problema, si toglie l’apparecchio e si aspettano i 18 anni, quando la crescita ossea è stabilizzata, per programmare l’intervento di chirurgica ortognatica”. Consiste nell’eseguire due piccole incisioni che non lasciano segni: la prima da canino a canino (5 cm di incisione) e la seconda a livello dell’angolo mandibolare, in corrispondenza del dente del giudizio, in modo da portare avanti la mascella e indietro la mandibola.

    “L’intervento si esegue in anestesia generale, anche in convenzione con il servizio sanitario: non è doloroso, richiede due notti di degenza e l’applicazione per un paio di mesi di un apparecchietto tradizionale fisso per stabilizzare i risultati. Che sono davvero ottimi, se l’operazione è eseguita a regola d’arte. Tant’è che viene consigliata anche agli adulti che non hanno affrontato, da piccoli, il problema della malocclusione.

    Quali problemi causa il progenismo?

    Il progenismo causa molti disturbi: non è solo questione di estetica. Lo squilibrio tra arcate dentarie superiori e inferiori porta a diversi disturbi: problemi di masticazione e di fonazione (cattiva pronuncia delle lettere “S”, “T”, “P” e “S” e con il passare degli anni, mal di testa e dolori mandibolari che si irradiano davanti all’orecchio, proprio di froten al “triangolino” chiamato trago.

    (Testo tratto dall’intervista di Rossella Briganti, settimanale Starbene del 18 Luglio 2017)

    Scopriamo di più: Focus on “progenismo”

    Come si chiama il mento in fuori? 

    Quando il mento è eccessivamente sporgente e il profilo del volto ha un aspetto a mezza luna si parla di progenismo o prognatismo mandibolare.

    Che cos’è il progenismo? 

    Il progenismo è un’estensione o sporgenza della mascella inferiore (mandibola). E’ una deformazione che  fa sporgere eccessivamente il mento la cui causa è da ricollegarsi ad una mascella non sufficientemente sviluppata o una mandibola eccessivamente sviluppata. Questo problema si verifica quando i denti non sono correttamente allineati a causa della forma delle ossa del viso.

    Come riconoscere chi soffre di progenismo? 

    Le persone che soffrono di questa tipologia di malocclusione dento-scheletrica presentano una mandibola eccessivamente sporgente rispetto al normale: mandibola in avanti, mandibola sporgente, mandibola pronunciata, ma anche mento sporgente, mento in avanti, sono tutti sinonimi per descrivere nel linguaggio comune questa patologia.

    Quali sono le cause del progenismo? 

    Una mandibola prominente può essere presente fin dal nascita o può essere causata da malattie ereditarie come la sindrome di Crouzon,  il gigantismo e l’acromegalia. Questa patologia può anche essere conseguente ad una perdita precoce dei denti da latte nei bambini o ad uno sviluppo non corretto delle arcate dentarie o dalle abitudini errate come il succhiamento del pollice o la deglutizione con interposizione della lingua tra i denti.

    È possibile prevenire il progenismo?

    La mascella sporgente può essere prevenuta durante l’infanzia con metodi ortodontici, ma non è sempre efficace. Se dopo l’adolescenza la crescita della mandibola è stata anormale e/o asimmetrica, l’unica soluzione corretta è eseguire un intervento chirurgico alla mandibola. Per questo motivo è necessario visitare un dentista pediatrico o un ortodontista fin dalla tenera età (2-3 anni) per poter diagnosticare e prevenire questi futuri difetti. È a queste età che la dentizione da latte può iniziare a condizionare la corretta crescita delle mascelle, quindi è meglio diagnosticarla in tempo.

    Perché sottoporsi all’intervento di correzione della mandibola in avanti?

    L’intervento di chirurgia ortognatica che corregge la mandibola sporgente è l’unica via definitiva per poter ripristinare l’estetica del volto: in età infantile, in alcuni casi, è possibile correggere questa patologia attraverso un percorso di ortodonzia tradizionale (utilizzazione di un apparecchio ortodontico per la correzione della mandibola in avanti), tuttavia, in età adulta, l’apparecchio non è mai risolutivo e l’unica soluzione è proprio rappresentata dall’intervento.

    Qual’è il trattamento per correggere la mandibola sporgente?

    Il progenismo viene corretto con la chirurgia ortognatica, un tipo di chirurgia maxillo facciale, solitamente combinata con l’ortodonzia. Durante l’operazione il chirurgo frattura la mandibola del paziente (osteotomia mandibolare) e la posizione all’indietro, utilizzando placche e viti in titanio integrate nell’osso.

    Quali sono le fasi del percorso di correzione del progenismo? 

    Le fasi sono principalmente tre: ortodonzia pre-chirurgica, intervento di chirurgia ortognatica e ortodonzia post-chirurgica. Spesso, grazie all’approccio Surgery First da noi utilizzato, è possibile ridurre al minimo (o addirittura saltare) la fase di ortodonzia di preparazione all’intervento, garantendo quindi un comfort senza eguali al paziente.

    Esiste un apparecchio per correggere la mandibola in avanti? 

    Non esiste un vero e proprio apparecchio che ha come finalità quella di correggere il progenismo. Il percorso di ortodonzia più idoneo viene definito dall’ortodontista, tenendo presente che la correzione di questo tipo di malocclusione è da eseguirsi in tenera età quando la struttura del cranio non è ancora stabilizzata. In età adulta, purtroppo il solo utilizzo dell’apparecchio non rappresenta una soluzione per risolvere la mandibola in avanti: solo un percorso integrato di ortodonzia unito alla chirurgia potrà ripristinare la corretta armonia nel volto.

    Come funziona il decorso post operatorio per correggere il progenismo? 

    Il gonfiore arriva al suo massimo a circa 48 ore dall’intervento. Il 75% del gonfiore sparisce dopo due settimane ed a un mese già diminuisce del 90%. Per il paziente è prevista una degenza di due notti e successivamente verrà dimesso con una terapia domiciliare  specifica che prevederà tra le altre cose una dieta liquida per le successive settimane.

    Nel secondo mese si deve seguire una dieta  morbida e solo in seguito si tornerà ad una dieta normale. Tutto questo è necessario per evitare che i muscoli masticatori vadano a forzare le zone dove sono state eseguite le osteotomie. Dopo circa due settimane il paziente può riprendere la normale attività lavorativa.

    Dove si esegue la visita per correggere il progenismo? 

    E’ possibile effettuare la visita direttamente presso il nostro centro nel cuore di Roma, in via Nomentana 311, oppure avvalersi di una prima consulenza online seguita successivamente da un incontro dal vivo per approfondire la situazione occlusale del paziente.

    Dove si esegue l’intervento per correggere il progenismo? 

    L’intervento di chirurgia ortognatica per la correzione del progenismo viene eseguito presso la clinica Assunzione di Maria Santissima, in via Nomentana 311 a Roma. La fase di ortodonzia pre-post chirurgica può invece essere gestita direttamente dal professionista di fiducia vicino la vostra abitazione: ci coordineremo direttamente con lui per garantirvi una esperienza ottimale.

     

     

    Potrebbe anche interessarti approfondire:

    Progenismo: i mille modi per poterlo definire

     

    Lascia un commento →
  • Pubblicato daRosaria on 8 giugno 2020, 14:35

    Può la malocclusione essere causa di mal di testa?

    Rispondere →
    • Pubblicato daOrtognatica Roma on 8 giugno 2020, 15:42
      in reply to Rosaria

      Buongiorno, grazie per averci scritto! La risposta è sì, la malocclusione può essere causa di cefalee. Il cattivo posizionamento dei denti può generare problemi di diversa natura a respirazione, masticazione, postura e fonetica. Il tutto è strettamente collegato. Siamo a disposizione!

      Rispondere →
  • Pubblicato daAlessandro on 4 dicembre 2020, 23:32

    Buongiorno, io ho un mandibola sporgente con i denti che non chiudono bene , o anche la Fila dei denti inferiori leggermente piu a sinistra di quelli superiore questo fa si che con anche la mandibola sporgente , chiuda male i denti e si veda la mandibola sporgente cosa si puo fare in questi casi età 17

    Rispondere →
    • Pubblicato daOrtognatica Roma on 11 gennaio 2021, 16:40
      in reply to Alessandro

      Buongiorno, le abbiamo risposto via email con tutte le info: in età adulta, non è mai possibile correggere una malocclusione dento-scheletrica di terza classe con la sola ortodonzia (invece correggibile in età infantile). E’ necessario sottoporsi all’intervento di chirurgia ortognatica per poter ripristinare estetica e funzione. A disposizione!

      Rispondere →
    • Pubblicato dadomenica on 9 febbraio 2021, 16:45
      in reply to Alessandro

      Salve ho 28 anni,ho la mandibola sporgente si nota di più quando sorrido e assimetrica ,
      Da un lato l’arcata dei denti superiore va dentro quelli inferiori, a livello frontale i denti sono apposto ,dal lato sinistro anche ma dal lato destro no,cosa potrei fare per correggere la mandibola? Ci sono apparecchi adeguati ?
      Grazie mille

      Rispondere →
      • Pubblicato daOrtognatica Roma on 19 marzo 2021, 16:58
        in reply to domenica

        Buonasera, le abbiamo scritto in email tempo fa, tuttavia ribadiamo che una malocclussione in età adulta va corretta con un percorso ortodonto-chirurgico. Il solo apparecchio purtroppo non può risolvere il suo problema estetico-funzionale. A disposizione!

        Rispondere →
  • Pubblicato daAntonio on 23 gennaio 2021, 11:37

    Quanto costa l’Intervento?

    Rispondere →
  • Pubblicato daFrancesco on 8 aprile 2021, 6:28

    Buongiorno professore anche
    Io ho una malocclusione prognatismo. Possibile sottoporsi ad intervento chirurgico?

    Rispondere →
    • Pubblicato daOrtognatica Roma on 21 aprile 2021, 19:48
      in reply to Francesco

      Gentile Signore, assolutamente sì, in età adulta l’intervento chirurgico è la sola strada definitiva! Le abbiamo risposto via email con tutte le indicazioni del caso! Grazie!

      Rispondere →
  • Pubblicato daGiuseppe on 8 aprile 2021, 18:32

    Buonasera ho la mandibola sporgente è i denti nn sono allineati è possibile avere info su intervento e costi grazie

    Rispondere →

Lascia un commento

Cancella risposta

Photostream