• 25 GIU 20
    • 2
    Surgery First e Ortognatica: quando è possibile?

    Surgery First e Ortognatica: quando è possibile?

    Surgery first e ortognatica: quando è possibile? 

    La Surgery First è una metodologia chirurgica che ha rivoluzionato il campo della chirurgia ortognatica negli ultimi anni: rappresenta oggigiorno un approccio alternativo alla procedura convenzionale “ortodonzia, chirurgia ortognatica, ortodonzia” perché procede direttamente con l’intervento chirurgico seguito dal trattamento ortodontico post-chirurgico.

    La Surgery First si presenta come una rivoluzione metodologica e tecnica principalmente per quattro motivi:

    1. Il paziente non ha bisogno di un trattamento ortodontico prima della chirurgia ortognatica: il trattamento ortodontico richiesto dalla procedura classica è per alcuni pazienti un motivo per non sottoporsi ad intervento chirurgico. Ora, grazie a questo protocollo, tutti i pazienti che hanno denti ben allineati e l’unica cosa che devono correggere è la disarmonia tra mascella e mascella, possono fare a meno dell’ortodonzia prechirurgica.

    2. La durata del trattamento è più breve: l’ortodonzia pre-chirurgica non esiste e, pertanto, il tempo totale del trattamento del paziente è considerevolmente ridotto, in media 12 mesi.
    3. Il paziente può scegliere il momento più conveniente per sottoporsi alla chirurgia ortognatica: la metodologia classica dipende inevitabilmente dal trattamento ortodontico prima di un intervento chirurgico della durata di circa un anno. Privo di ortodonzia preoperatoria, il primo candidato di chirurgia può scegliere il momento più conveniente per sottoporsi a chirurgia ortognatica.

    4. Il paziente può godere dei risultati chirurgici immediatamente dopo la chirurgia ortognatica: con la Surgery First, il paziente gode della sua nuova estetica pochi giorni dopo l’intervento, quando il gonfiore scompare. Inoltre, il trattamento ortodontico post-chirurgico è molto più breve rispetto al metodo tradizionale.

    Il paziente ideale per l’approccio “Surgery First” è quello con denti ben allineati o leggermente affollati e gli incisivi superiore e inferiore leggermente inclinati in avanti o indietro. Questo è essenziale per raggiungere la stabilità occlusale e ottenere i migliori risultati. Di solito, la Surgery First è indicata anche in pazienti con sindrome da apnea ostruttiva del sonno in cui vi è ostruzione alla gola durante il sonno che causa la mancanza di ossigeno nel sangue.

    Non tutti i pazienti sono quindi candidati ideali alla “Surgery First”, esistono alcune limitazioni che potrebbero precludere la possibilità di applicare questo approccio:

    1. Mancanza di coordinazione delle arcate: se la arcata superiore è molto stretta e non si adatta correttamente a quella inferiore.
    2. Estrazioni dentali che ostacolano la prevedibilità dei risultati in alcuni casi.
    3. I pazienti con “viso lungo” hanno una maggiore tendenza all’instabilità occlusale e ad avere un morso aperto.

    In ogni modo, quando esiste la possibilità di attuare questa metodologia, tutto è un vantaggio per il paziente; l’armonia e l’equilibrio necessari nelle caratteristiche facciali del paziente sono raggiunti in tempi straordinari.

     

    Ortodonzia pre-chirurgica: quanto dura?

    Lo sapete che la fase di ortodonzia pre-chirurgica nell'intervento di #ortognatica può durare anche pochi giorni, evitando quindi i disagi estetici dell'apparecchio ortodontico? Scopriamo di più insieme allla Dott.ssa Sara Marianetti, gnatologa del team! ?Booking: +39 3515040117? Web: www.ortognaticaroma.it? Clinica Assunzione di Maria Sant-ma, Via Nomentana 311, RomaDott. Valerio Ramieri Chirurgo Maxillo-Facciale Tito Marianetti Tito Marianetti Due Sara Marianetti #ortognatica #maxillofacciale #orthognathicsurgery #maxillofacialsurgery

    Pubblicato da Ortognatica Roma su Martedì 26 novembre 2019

     

    Potrebbe anche interessarti:

    Problemi, rischi e durata dell’ortodonzia negli adulti

    Lascia un commento →
  • Pubblicato daJennifer on 21 settembre 2020, 19:21

    Vorrei sapere se è possibile sottoporsi a questo intervento in modo da avere un viso più simmetrico anche se non si soffre di prognatismo,malocclusione

    Rispondere →
    • Pubblicato daOrtognatica Roma on 27 settembre 2020, 11:44
      in reply to Jennifer

      Buongiorno Jennifer, grazie per il quesito! Per valutare l’idoneità all’approccio surgery firs è necessario visionare le sue impronte dentali e una tc cranio facciale: solo con questi due elementi ci sarà possibile risponderle. In ogni caso, la correzione del progratismo, a prescindere dall’approccio di ortodonzia pre-chirurgica è associabile alla correzione dell’asimmetria, quindi nessun problema! Venga a trovarci per valutare la sua situazione specifica! A disposizione!

      Rispondere →

Lascia un commento

Cancella risposta

Photostream