• 15 GEN 19
    • 0
    Come risolvere il sorriso gengivale

    Come risolvere il sorriso gengivale

    Come risolvere il sorriso gengivale? 

    Ho passato una vita a nascondere il mio sorriso per via dei disagi che mi crea: pur avendo dei denti allineati e di un bel colore, quando sorrido, la gengiva superiore si espone eccessivamente, causando il tipico effetto del “sorriso da cavallo”. Come risolvere questo disagio?

    Antonio, Cosenza

    Risponde il Dottor Valerio Ramieri, chirurgo maxillo facciale operante a Roma, www.ortognaticaroma.it

    Il suo problema è definito in gergo “gummy smile” e presuppone proprio un’eccessiva esposizione dell’arcata superiore quando si ride o sorride. In genere quando il nostro viso assume espressioni gioiose o entusiaste, il tessuto che sovrasta la dentatura fa capolino di uno-due millimetri massimo, ma in alcune persone la gengiva fuoriesce di molto, talvolta fino a raggiungere il centimetro, causando vergogna e insicurezza. Nonostante sia considerato perlopiù un inestetismo questo problema può nascondere della malformazioni dento-scheletriche sottostanti: se a provocare il gummy smile è uno sviluppo atipico del mascellare superiore è indicata la correzione chirurgia attraverso l’intervento di chirurgia ortognatica. Il chirurgo esegue in anestesia generale una incisione con relativa osteotomia al fine di rimuovere l’eccesso di osso e la relativa sovraesposizione gengivale; Il mascellare viene riadagiato sull’osso restate e poi stabilizzato con placche in titanio. Un’operazione di circa tre ore che prevede una degenza di un paio di notti con un dolore post operatorio minimo e con un gonfiore che scompare circa dopo un mesetto.  Ovviamente poiché il mascellare e la mandibola sono rimasti immobilizzati per molto tempo e hanno subito una correzione intensiva è opportuno attenderne la stabilizzazione prima di tornare ad alimentarsi normalmente: per i primi quaranta giorni si consiglia prevalentemente una dieta morbida.

    Lascia un commento →

Lascia un commento

Cancella risposta