Fase 5 L’intervento

Chirurgia minimamente invasiva

Tempi rapidi di ripresa con la nostra chirurgia

Vengono effettuate metodiche alternative ma di uguale efficacia, come la limitazione dello scollamento sottoperiosteo o la riduzione delle osteotomie (taglio dell’osso) in termini di estensione e profondità.
Incisioni piccole, meno gonfiore, bassi livello di invasività degli strumenti, poca perdita di sangue… sono alcuni degli 
elementi che caratterizzano la chirurgia c.d. “minimamente invasiva”
La preferenza va a strumenti di piezosurgery (chirurgia piezoelettrica) e, in generale, a soluzioni meno impattanti e non per questo meno valide.

Una chirurgia moderna, innovativa, che riflette le aspettative del paziente prima, durante e dopo l’intervento. Quello che facciamo, ove sussistano le condizioni, è seguire i principi della chirurgia minimamente invasiva e puntare a garantire risultati ottimali senza compromettere la qualità della vita del paziente. Tutto questo si traduce in tempistiche ridotte (2 o 3 mesi nel caso dell’early) interventi di breve durata (2 o 3 ore al massimo), e recupero veloce (dopo un paio di settimane di gonfiore si può già tornare a lavoro). Tantissimi vantaggi da non sottovalutare per chi desidera correggere una volta per tutte i difetti del sorriso e migliorare l’aspetto del volto.

Casi Clinici

Fase 1
La visita pre-operatoria

Fase 3
Ortodonzia Pre-chirurgica

Fase 4
Estetica e funzione in chirurgia ortognatica

Fase 5
L’intervento

Fase 6
Il post-operatario