• 17 AGO 20
    • 0
    Seni paranasali

    Seni paranasali

    I seni paranasali sono quattro paia di cavità scavate all’interno delle ossa del massiccio facciale, comunicanti tramite canali ossei ed orifizi con le cavità nasali, che a loro volta possono comunicare con l’esterno.

    I seni paranasali

    In anatomia, i seni nasali o paranasali sono un insieme di cavità d’aria che si trovano nelle ossa frontale, sfenoidale, etmoide e mascellare, che comunicano con i passaggi nasali. Queste cavità sono strutture che influenzano la respirazione, la fonazione, il riscaldamento e il corretto olfatto.

    I seni paranasali

    Seno frontale 

    Sono due cavità separate dal setto interfrontale; Ogni seno a sua volta può avere uno o più scomparti. Comunicano con il meato nasale medio attraverso il condotto nasofrontale. Misurano in media 3 cm. alto e largo da 2 a 2,5 cm, con una profondità da 1,5 a 2 cm. La sua capacità approssimativa è compresa tra 6 e 7 ml. 

    Relazioni importanti: sotto la parete frontale si trovano l’orbita e il tetto della cavità nasale e, dietro, la fossa cranica anteriore e i seni sagittali superiori e inferiori. 

    Anatomia: Parete anteriore: si chiama “becco”; lo spessore di questa parete dipende dallo spessore della rientranza frontale e dal grado di pneumatizzazione dell’Agger Nassi. Parete mediale: corrisponde alla parete laterale della fossa olfattiva. Parete laterale: detta anche lamina papiracea. Parete posteriore: nota anche come bula etmoidalis.

    Seno etmoidale 

    Le cellule labirintiche o etmoidi si trovano su ciascun lato del terzo medio e superiore della cavità nasale e mediale rispetto all’osso orbitale. L’osso etmoide è costituito da una lamina orizzontale e una verticale. La parete esterna del labirinto etmoidale è costituita da una lamina etmoide e dalle ossa lacrimali, oltre che dalla parete interna della cavità orbitale. Il volume dei due seni etmoidali è di 14 ml. 

    Seno mascellare 

    Il seno mascellare è il più grande dei seni paranasali. Ha una forma piramidale irregolare con una base verso la narice e un apice verso il processo zigomatico o piramidale della mascella. Le sue dimensioni sono da 31 a 32 mm di altezza, da 18 a 20 mm di larghezza e 19 mm di profondità. La sua capacità è di 15 ml. La parete interna o base dell’antro è formata dalla lamina verticale dell’osso palatino e la sua parete superiore la separa dal pavimento dell’orbita. Alla nascita, il seno mascellare occupa un piccolo spazio nella porzione interna dell’orbita. All’inizio, la sua parte inferiore è sopra il pavimento nasale, per scendere gradualmente e raggiungere il livello di esso entro otto anni.

    Seno sfenoidale

    È completamente sviluppato tra i 12 ei 15 anni. Si trova nel corpo dello sfenoide, quindi le sue dimensioni e la sua forma sono variabili. Ciascun seno sfenoidale comunica con il meato nasale superiore attraverso piccole aperture che scorrono nella cavità sfenoetmoidale. Le sue dimensioni sono 15 x 12 x 10,5 mm con una capacità di 7,5 ml. Questo osso si svuota attraverso un foro nella sua parete anteriore nella cavità sfenoetmoidale della cavità nasale.

    I seni sono cavità rinvenute in alcune ossa del cranio e del viso, con la funzione principale di alleggerirne il peso, poiché se fossero totalmente compatte il cranio risulterebbe troppo pesante. Inoltre, hanno la funzione di riscaldare e inumidire l’aria inalata, secernere muco, fungere da cassa di risonanza per la voce ed espellere o scartare corpi estranei che penetrano per inalazione. I seni di ogni osso fluiscono in un meato, attraverso il quale rimuovono qualsiasi contenuto non necessario. 

     

    Lascia un commento →

Lascia un commento

Cancella risposta

Photostream