• 15 NOV 16
    • 0
    Tutto quello che devi sapere sulla Surgery First

    Tutto quello che devi sapere sulla Surgery First

    La surgery first è un approccio chirurgico innovativo che interessa molti ambiti. Nel caso dell’ortognatica un percorso basato sulla surgery first prevede una prima fase di valutazione in cui si esamina il caso, si prendono le impronte e si programma l’intervento. Quest’ultimo, come suggerisce il nome “surgery first”, viene affrontato PRIMA di montare l’apparecchio dentale: in tal modo si ottengono diversi vantaggi, su tutti la riduzione del tempo in cui il paziente dovrà portare l’apparecchio stesso. Se l’ortodonzia classica prevede un tempo medio di 2 anni, l’ortognatica in surgery first scende a soli 6 mesi. La durata dell’intervento è di circa 2 o 3 ore: il paziente, dopo un paio di settimane, può tornare a lavorare. La bocca nei primi tempo rimane gonfia ed è indispensabile assumere cortisone e applicare ghiaccio. Il dolore dura grossomodo tutto il primo mese, per poi ridursi e diminuire piano piano.

    Da notare come, dopo l’operazione di surgery first, vengano applicati degli elastici o un bite per mantenere in sede i muscoli. A questo punto inizia il percorso di ortodonzia per allineare i denti. È quasi scontato il verificarsi, in questa prima fase, di un fenomeno chiamato RAP, per cui i denti si muovono più velocemente e i muscoli tendono a ristabilire la situazione precedente l’intervento. Non c’è da preoccuparsi. Un bravo chirurgo lo sa, e in tandem con un ortodontista competente, saprà gestire questo spostamento fisiologico senza alcun problema. Il percorso di ortodonzia, come riportato sopra, avrà una durata indicativa di 6 mesi, un tempo record che ad oggi non trova eguali in nessuna alternativa chirurgica e non. Al termine l’apparecchio viene smontato e il risultato finale è un sorriso perfetto e un’articolazione temporo-mandibolare (ATM) armoniosa e funzionale.

    Vantaggi della Surgery First rispetto alle altre soluzioni

    Se ci sono le condizioni è sempre consigliabile optare per la chirurgia ortognatica in surgery first. Questo per diversi motivi, legati a loro volta ai vantaggi impliciti in un approccio del genere. Il primo, come detto, è la durata: tempi di recupero rapidi e un periodo di trattamento con apparecchio fisso ridotto al minimo significano meno disagi per il paziente, che potrà tornare subito o quasi a lavoro e alla vita di tutti i giorni. La chirurgia in surgery first è inoltre meno dolorosa e comporta un gonfiore contenuto. Il paziente è in grado di aprire la bocca già uscito dalla sala operatoria e sa che potrà togliere i punti appena dieci giorni dopo l’intervento. Insomma, i benefici della surgery first e della chirurgia ortognatica in generale sono davvero tanti: prenota un appuntamento e vieni a scoprirli nel nostro studio!

     

    Lascia un commento →

Lascia un commento

Cancella risposta